martedì 29 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione. Personaggi e Storyboard.

Ciao!

So che non è un metodo ortodosso ma..beh, di solito chi legge un fumetto vede gli storyboard solo dopo, no? Se ne ha voglia...certo, i personaggi andrebbero presentati prima della storia, ma non volevo "fissarli" in alcun modo...così ecco lo "studio" solo dopo averli fatti recitare nelel vignette, come per un attore: come faccio a vedere se è fotogenico prima di vederlo in un'inquadratura?

Ovviamente è strano dare dei nomi a personaggi di un fumetto muto, però è molto professionale =)

Aspetto commenti, condivisioni, insulti e quant'altro..

A presto! (A dopo Lucca...)















lunedì 28 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica. Tavola 5 chinata (metafumetto).

Ciao!

Credo che questa sarà l'ultima tavola che vedrete per un po'...ma può darsi che riesca ad aggiungerne un'altra questa settimana, chissà..

Ormai il meccanismo è chiaro: le tavole di metafumetto compaiono una tantum ad arrestare il flusso in continuo mutamento della storia muta..qualcuno mi ha detto che è molto onirica, qualcun altro che è metafisica (come i quadri di De Chirico), altri che è inquietante: sono molto contento di questi commenti, perchè significa che sono riuscito a trasmettere esattamente ciò che volevo.

Questa quinta tavola è la parte metafumettistica, anzi meta-metafumettistica.

Aspetto commenti...a presto.



domenica 27 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica: Tavola 3 e tavola 4 chinate

Ciao!

Un giorno inconsueto per postare, ma c'è chi lavora anche la domenica, quindi perchè uno che disegna non dovrebbe farlo? A maggior ragione visto che venerdì sarà a Lucca, e chissà...magari qualcuno troverà interessante la mia idea...qualcuno che non sia un mio amico o la mia fidanzata! O un mio follower...insomma, qualcuno che non ha mai visto prima 'sta roba e non mi conosce...

Noterete una certa differenza (logico, ma intendo dire: più di quanto dovrebbe essere) nelle tavole inchiostrate rispetto a quelle a matita: è che in fase di inchiostrazione mi piace sperimentare, quindi non è detto che ricalchi quello che ho fatto a matita...so che non è un metodo ortodosso, che le matite dovrebbe essere già pronte per essere semplicemente inchiostrate...ma dato che io seguo l'intero processo creativo del mio fumetto, non vedo perchè non lasciare una certa dose di aleatorietà...amor fati!
Comunque, la differenza principale è che il tratteggio è quasi assente dalle tavole inchiostrate, tranne che in alcuni punti in cui mi sembrava più azzeccato...

Ecco cos'ho prodotto..

Aspetto commenti...anche delle precedenti...a presto!




venerdì 25 ottobre 2013

Il Mondo come volontà e rappresentazione fumettistica. Matite per le tavole Quattro e Cinque

Ciao!

Ancora una volta, credo non ci sia bisogno di spiegazioni. Però devo darvene almeno una: la tavola Cinque è come la tavola Uno, necessita di parole per essere compresa. Le tavole come questa sono quelle "metafumettistiche"...ma dato che parlano di anche di metafumetto, diventano meta-metafumettistiche?

Aspetto commenti...a presto.

P.S.: c'è una serie di vignette che mi piace in particolare, quindi ve la posto a parte per vederla meglio.




giovedì 24 ottobre 2013

Il Mondo come volontà e rappresentazione fumettistica. Tavola 3 (matite).

Ciao!

Ieri sono riuscito a completare la terza tavola, ma solo per quanto riguarda le matite...beh, si trattava di una matita molto più elaborata rispetto alle tavole precedenti. Ne sono molto soddisfatto, per questo voglio condividerla prima ancora di averla inchiostrata. Vi mostro le singole vignette, per osservarle meglio nei dettagli, e la tavola "montata".

Aspetto altri commenti!

A presto





mercoledì 23 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica

Ciao!

Come ho scritto su Facebook, i lavori sono ancora in corso...ma non posso fare a meno di presentarvi un'anteprima..intanto c'è un titolo, che è già qualcosa.

Guardando le tavole, vi chiederete cosa c'entrino tra loro, pensando che si tratti di due pagine prese a caso. Invece sono le prime due, e il legame tra le due narrazioni sarà chiaro solo più avanti.

Aspetto commenti...a presto!


Qui sotto matite e vignette singole..




















sabato 19 ottobre 2013

La fattoria degli animati

Ciao!

Sono con l'acqua alla gola...

Come aveva già detto, il progetto degli Aspirasogni avrebbe potuto prendere direzioni inaspettate. Un commento sulla somiglianza tra il mio personaggio di Dante e quello di Little Nemo mi ha fatto riflettere. Nel frattempo, nell'aria vagava un'idea che mi sembrava potenzialmente originale. Stanotte poi ho avuto una "folgorazione" buttando giù delle idee che basteranno parecchie pagine. Non mi resta che disegnarle, queste maledette/benedette pagine, anche perché il tempo stringe e alla fiera di Lucca vorrei andarci con qualcosa da proporre, non solo per spendere tutti i soldi guadagnati con le ripetizioni!!

I personaggini inventati per gli Aspirasogni non spariranno di certo, ma possono tornare in nuove forme in queat'altro fumetto. Del resto, uno dei miei scrittori preferiti, Philip Dick, spesso rielaborava personaggi, idee e situazioni ricorrenti nei suoi romanzi, modificandone il nome o addirittura scrivendo tre versioni diverse dello stesso romanzo, cioè tre romanzi diversi dalla stessa idea iniziale. Ad esempio nella Trilogia di Valis. E la stessa idea la recupera persino in un quarto romanzo, Radio Libera Albemuth. Per la storia degli Aspirasogni avevo usato un romanzo che ho scritto un po' di mesi fa, trasformandolo in una storia per bambini e poi in un fumetto. Era il mio progetto, perchè avevo bisogno di qualcosa da presentare al più presto. Lo reputo un buon lavoro, un'opera di creatività che come romanzo per bambini era anche scritto bene (magari ve ne pubblicherò le prime pagine per farvi capire). Così avevo deciso di farne le illustrazioni. Da lì poi l'idea del fumetto per Lucca. Ma adesso mi è balenata un'idea che...vabbè, vedrete. Sul titolo sono ancora indeciso..."Il fumetto come dinamite" o "Come si fumetta col martello"..ci penserò.

Nel frattempo, però, dei ragazzi mi avevano chiesto di inventare una striscia per il loro giornale online.
Dopo giorni di vuoto, un pomeriggio ho riesumato dei vecchi personaggi ispirati ai miei parenti, e così...li ho trasformati in queste creaturine animate, questi cartoon.
Per questo ho battezzato la striscia, per ora, La fattoria degli animati. Ho già in mente la prima striscia/tavola da scrivere...intanto vi lascio alle presentazioni.

Aspetto commenti, a presto!






martedì 15 ottobre 2013

Aspirasogni: Tavola Uno

Ciao!

Devo dichiarare innanzitutto la mia inautenticità: mi sono ispirato alla prima tavola de Le straordinarie avventure di Pentothal, leggendario pezzo di bravura del mitologico Andrea Pazienza.

Aspetto commenti...a presto.


venerdì 11 ottobre 2013

Senza pollice opponibile

Ciao...

..purtroppo non ho alcun disegno da postare, oggi...tutti quelli che ho fatto non mi soddisfano abbastanza. Immagino che tra i disegnatori ci sia chi può capire questo stato di inerzia. A parte che, per i "creativi", c'è sempre una giornata di "bonaccia dell'anima", come la chiamava Nietzsche. Ma un disegnatore può sempre disegnare cose che ha già creato, no? Invece, per me (e altri che conosco) non è esattamente così: capitano giornate in cui ogni cosa che si disegna risulta detestabile. In compenso sono riuscito a scrivere degli articoli sul mio altro blog (Venite Adoremus qui a fianco). In certi giorni sono riuscito a fare entrambe le cose, ma un tale stato di grazia non può durare a lungo!
Oltre tutto, mi sono lussato il pollice giocando a pallavolo. Che fesso. Mi fa male soprattutto se chiudo la mano o scrivo sms sul cellulare. Quando disegno non fa così male...è dopo, il problema: una fitta si espande dall'interno del pollice fino al polso e parte del braccio. Mi sembra di avere i tendini rimescolati. Vi sembrerà una tragedia, per un disegnatore! La realtà è che così ho una scusa per non disegnare, in un giorno di ispirazione scarsa, anzi pari a zero...forse questo è solo il moto discendente dello studio di personaggi, che mi toglie creatività man mano...ve l'ho detto che l'odiavo!

Wow, ho raggiunto Tremila!

Significherà qualcosa?

In realtà, è un numero misero....

mercoledì 9 ottobre 2013

Aspirasogni: Studio Personaggi 2

Ciao!

Devo confessarvi una cosa: lo studio di personaggi è una cosa che mi irrita. Insomma, la fase di ideazione è esaltante, acnhe quando i personaggi non ti soddisfano: hai la possibilità di ricrearli, in quel caso (e creare è bene). E questo l'ho fatto, anche con Beatrice e Narciso:

Sì, c'era spazio anche per Ciampòlo, in un foglio così grande. E lui è un uomo così piccolo.

Nonostante le dimensioni, nemmeno Narciso è un grand'uomo...
Lo studio di personaggi, però, mi sembra una cosa forzata. Perchè devo sprecare tempo a fare schede apposite, quando i personaggi li ho creati io, e dunque li posso studiare direttamente facendoli interagire nelle storie? Certo, può essere comunque divertente studiare Bob o Dante:

Lo zappatore non si scorda della mamma...


Però...non sarebbe meglio per voi se vi mostrassi la storia? Tutta questa attesa è snervante anche per me, ma finchè non concludo gli studi, non posso dedicarmi al fumetto vero e proprio e vi dovrete beccare noiose spiegazioni (buttarvi lì disegni a caso non mi sembra giusto, d'altronde...mentre per Wyrth è tutt'altra storia, essendo un esperimento).

Ma non voglio certo spiegarvi tutto. Ad esempio, chi o cosa sono i misteriosi I-Maghi?
Posso dirvi che non sono parte di un'applicazione della Apple, e che il singolare I-Mago deriva dal latino imago, cioè la maschera mortuaria.

Nell'immagine, sono quelli col cappuccio e la maschera senza volto (quello con il volto, invece...beh, non ve lo dico):


Inizialmente dovevano essere come quel tizio sulla sinistra in basso, quello con le pistole, che mi ricorda Maccio Capatonda. E li avevo colorati così (male):

Orribile, non lo voglio ingrandire
Alla fine ho optato per la semplicità. Le maschere senza volto vi ricorderanno a un'altra creatura del folklore giapponese, il noppera-bo.


Che ne pensate? Alla prossima...