venerdì 6 dicembre 2013

Aspirasogni New

Odio i manifesti programmatici e odio le etichette. In giro, nella rete, vedo gente che proclama di utilizzare nuovi linguaggi, per il fumetto, al di là di mode passeggere...però.... mi accorgo che, alla fin fine, si tratta di revival, o al più, di quella smania di "innovazione" che....va tanto di moda. Ma è normale, perché quando si proclama di voler fare qualcosa in un certo modo, ottenendo determinati risultati, non è detto che andrà così. Nella vita normale non è come negli esperimenti di laboratorio. Oggi pensiamo di poter calcolare tutto, proprio nell'epoca storica in cui tutto è immensamente più complicato. Tutto questo per dire che confluiscono tanti fattori anche in un'azione "semplice" come la creazione di personaggi. Ok, scherzavo. Creare personaggi non è affatto semplice. Ma è semplice riconoscere il personaggio giusto quando lo crei. Bisogna fare parecchi tentativi.
Questo è il guaio con i miei Aspirasogni.
L'ho scritto prima come romanzo breve, o per bambini...come vi pare. Scripta manent, e così ora ho come una sorta di manifesto, un manuale d'istruzioni che mi pende sulla testa come una spada di Damocle. Devo creare graficamente dei personaggi ideati da me in una trama scritta sempre da me. Sarebbe meglio se fossi obbligato a seguire la sceneggiatura di un altro. Avrei quel margine di libertà per modificare alcune cose, elaborare i personaggi in base alle descrizioni ma aggiungendovi particolari creativi, ma non dovrei preoccuparmi d'altro, o meglio...vedendo la storia dall'esterno potrei tranquillamente proporre cambiamenti, senza scervellarmi troppo.
invece, così, ho troppa libertà. E ciò m'imprigiona, così come m'imprigionano le cose da me stesso scritte. Così, l'unica cosa che mi rimane da fare è andare avanti a disegnare versioni sempre diverse, finchè non troverò quelle che mi soddisfano: credo di esserci vicino, ma è meglio non dirlo troppo presto. Come avevo già detto, lo studio di personaggi è troppo costrittivo, molto meglio passare agli storyboard, facendo recitare i vari omini. Ecco, ora credo di avere buoni attori nel casting, ma vorrei fare sempre di meglio.

Di tutti i disegni che ho fatto, vi mostro solo quelli che reputo migliori...ecco Dante in versione Korvo, il protagonista della storia. Il tizio oblungo è il re, il principino Tignoso d'Ildebrando; il nanetto che sembra un frate pagliaccio è il suo ciambellano, Gerbillo de la Ratta. L'uomo volgare col ciuffetto è Narciso Boccadoro, il più grande personaggio televisivo mai esistito. L'altro uomo è Ciampòlo Navarra,  patrigno di Dante.


Queste sono foto fatte col cellulare...In alto c'è sempre Ciampòlo, e alla sua sinistra quella prugna secca del Bardo Rutebeuf. Sotto, un piano americano di Ciampòlo e Narciso


Anche qui sopra, Ciampòlo e Narciso...

Mino in versione cane (?) e in versione mostro.

Dante, sulla sinistra, in versione umana..con a fianco la versione Korvo.

Ho fatto parecchi tentativi per trovare Beatrice, la matrigna...prima l'avevo fatta magra!

Infine, per ora, l'ho lasciata così...



Allora, punitopo, che ne pensi?

Vabbè, vi saluta tanto!

Alla prossima...



giovedì 28 novembre 2013

Pinocchio: Questioni di Prospettiva

Ciao!

Ecco la mia seconda storia breve pe la rivista online LeNius...per la serie..."Questioni di Prospettiva"!

A presto!



martedì 26 novembre 2013

La Fattoria degli Animati......prima tavola (stavolta davvero): abortita comunque!

Cia'.....

Allora, a quanto pare La Fattoria degli Animati non apparirà su sta famosa rivista di cui vi ho parlato...in compenso, la storia che avete visto qualche post fa non sarà un evento isolato, ma un appuntamento fisso, una sorta di rubrica che potrei definire "Questioni di Prospettiva". Insomma, la "classica" rivisitazione di Grandi...Classici. Il prossimo sarà Pinocchio, ma non è detto che mi limiterò a  romanzi: dipende dall'ispirazione. Ci sono anche fumetti, film  e quant'altro...l'altra volta era stata una cosa simpatica, la prossima è demenziale e credo proprio che continuerò su questa strada!

A proposito, ecco la tavola della Fattoria degli Animati. Naturalmente, c' è un seguito anche per loro...

A presto!


sabato 23 novembre 2013

Cartoni Violenti: la memoria inganna

Ciao, cari ragazzi di ogni età che da bambini guardavate un sacco di cartoni animati e oggi passate ore su youtube a rievocare nostalgicamente quel periodo, sbomballandovi di vecchie sigle...

Ebben, le sigle sono esattamente tutto ciò che di interessante rimane, a proposito di quei cartoni...davvero pensate che fossero così divertenti, esaltanti, entusiasmanti? No, è la vostra memoria che v'inganna.

La memoria, è risaputo, è qualcosa di plastico, non ha nulla a che vedere con la memoria oggettiva dell'apparecchio elettronico che state usando per leggere questo post. I ricordi vengono deformati aggiungendo dettagli e ritocchi come con Photoshop. Penso abbiate visto tutti Valzer con Bashir. La memoria è in grado di inventare persino ricordi falsi.

Infatti, quando ho cercato di riguardare alcuni episodi di Ducktales (wooow, che nostalgia! Lacrimate, lacrimate...), insieme a certi miei amici...beh, ci siamo annoiati a morte.

Quindi? Ci siamo inventati tutto, e la maggior parte delle cose che guardavamo da bambini non erano poi così divertenti...questa è la verità.

Oppure, c'è un'altra verità: erano divertenti, ma non nel modo in cui lo immagineresti per un bambino!

E così, eccovi il Punitopo (prosegue dal post precedente)!

A presto..

Aggiungi didascalia










mercoledì 20 novembre 2013

Cartoni Violenti: Il Punitopo

Ciao!

Non potevo non condividere con voi le prime quattro tavole del Punitopo...sto lavorando a tanti progetti, ma questo è certamente quello più "goliardico"..insomma, è una cosa che avevo elaborato parecchio tempo fa, risentirà certamente di molte ingenuità, ma non volevo abbandonarla...nella mia mente era già compiuta, quindi perchè non realizzarlo? Non ha chissà quali pretese, spero solo che vi diverta...

Cominciamo così da queste primissime pagine: tempo fa ne avevo postate le prime due, senza testo, ma ho deciso poi di rifarle da capo con un altro stile che mi permettesse di sfornarne molte di più...

Aspetto commenti...

A presto!










lunedì 18 novembre 2013

Fumetto breve

Ciao! Ricordate che ho parlato della mia collaborazione con una rivista online, LeNius? Bene, ecco una storia breve che ho realizzato per la loro pagina culturale (http://www.lenius.it/questioni-di-prospettiva/)

Silenzio! Parla il fumetto...



domenica 17 novembre 2013

LeNius: Prima Pubblicazione

Ciao!

Vi posto il link ad un articolo molto interessante...ci tengo che lo leggiate, perchè la vignetta che lo accompagna l'ho realizzata io, ed è la prima ad apparire sul giornale online LeNius...seguiranno presto altre cose..

http://www.lenius.it/la-solitudine-dello-spettatore/

Aspetto commenti..

A presto!


lunedì 11 novembre 2013

La Fattoria degli Animati: Prima tavola abortita

Ciao!

In questo periodo, come ho detto, sto riaprendo diversi progetti abbandonati....per chiuderli definitivamente.

Come avrete notato dai precedenti post, uno di questi è "Bentornato Topo Gigio", ovvero "Il Punitopo", che io definisco un metafumetto trash parodico....tanto per fornire etichette ai più pignoli. Sto sfornando una serie di schizzi e storyboard che non vi presenterò: non voglio anticiparvi nulla...
Sappiate però che Il Punitopo, Gli Aspirasogni e Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica non sono progetti a sè stanti frutto di un eclettismo sfrenato (che può essere un complimento così come un insulto), ma hanno un filo conduttore, di cui non vi dirò assolutamente nulla. Lo scoprirete leggendoli...

Intanto, ho fatto un piccolo esperimento con la striscia di cui vi avevo parlato tempo fa, che avrebbe dovuto essere pubblicata su un giornale online (www.lenius.it); ma dovrò ideare un altro tipo di tavola che presenti i personaggi senza troppi "spiegoni", spiegoni come questo:

Ve l'avevo già proposto, ma rileggetelo prima di andare alla prima tavola che avevo realizzato per la rivista. Ecco in cosa consiste il piccolo esperimento:


Ho usato i pastelli per poi rimaneggiare tutto con Photoshop, niente di rivoluzionario...ma volevo dare un tono ancora più "infantile" ai personaggi, per contrasto con le battute "cattive"...il problema è che per capirle, a parte una certa dose di ironia, bisogna aver letto la spiegazione. E la gente che legge su internet, a quanto pare, non è che abbia tantissima voglia di sbattersi, (così mi dicono, ma potete smentire questo luogo comune). Per questo si è deciso di non presentarla come prima tavola, ma conservarla per il futuro....io intanto ve la mostro, per avere i vostri pareri, ma ricordate: dovrete leggere prima la presentazione! 

Aspetto commenti...

A presto

domenica 3 novembre 2013

Post-Lucca

Ciao!

Gente, questa esperienza mi è davvero servita.
Le copie del mio progetto scartato, buttate lì in uno scatolone a fianco di altri lavori probabilmente consegnati solo per gioco, mi ha dato da pensare parecchio. La bravura dei talenti che hanno partecipato ai vari concorsi. L'originalità e il coraggio degli autoprodotti. La professionalità e l'esperienza dei fumettisti affermati, il loro senso di appagamento per quello che fanno. L'entusiasmo delle migliaia di persone affluite in massa, il loro interesse per il fumetto (e altro).

A Lucca non ho rimediato alcun contratto, nemmeno per una collaborazione gratuita: gente con molta più esperienza di me è stata scartata. Le miriadi di biglietti da visita stampate non mi sono servite a molto...e non ho avuto alcun riscontro sul mio progetto. A questo punto, che faccio, mollo e mi metto a fare un altro lavoro che non c'entra nulla? Ma col cavolo!

C'è ancora molta strada da fare, perciò lavorerò ancora di più ai miei progetti, ho speso davvero troppe energie sul fumetto per abbandonarlo così...se anche non dovessi mai riuscire a diventare fumettista di professione almeno ci avrò provato e avrò maturato una certa esperienza per fare qualcos'altro che si colleghi a questo mestiere...

Insomma, anche se ho speso un sacco di soldi in fumetti di altri, senza rimediare nulla per i miei...beh, sono tornato più motivato di prima...e inizierò riesumando e finendo alcuni progetti che avevo iniziato e in cui credevo (no, non parlo di Gesù Samurai).

A presto...

martedì 29 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione. Personaggi e Storyboard.

Ciao!

So che non è un metodo ortodosso ma..beh, di solito chi legge un fumetto vede gli storyboard solo dopo, no? Se ne ha voglia...certo, i personaggi andrebbero presentati prima della storia, ma non volevo "fissarli" in alcun modo...così ecco lo "studio" solo dopo averli fatti recitare nelel vignette, come per un attore: come faccio a vedere se è fotogenico prima di vederlo in un'inquadratura?

Ovviamente è strano dare dei nomi a personaggi di un fumetto muto, però è molto professionale =)

Aspetto commenti, condivisioni, insulti e quant'altro..

A presto! (A dopo Lucca...)















lunedì 28 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica. Tavola 5 chinata (metafumetto).

Ciao!

Credo che questa sarà l'ultima tavola che vedrete per un po'...ma può darsi che riesca ad aggiungerne un'altra questa settimana, chissà..

Ormai il meccanismo è chiaro: le tavole di metafumetto compaiono una tantum ad arrestare il flusso in continuo mutamento della storia muta..qualcuno mi ha detto che è molto onirica, qualcun altro che è metafisica (come i quadri di De Chirico), altri che è inquietante: sono molto contento di questi commenti, perchè significa che sono riuscito a trasmettere esattamente ciò che volevo.

Questa quinta tavola è la parte metafumettistica, anzi meta-metafumettistica.

Aspetto commenti...a presto.



domenica 27 ottobre 2013

Il mondo come volontà e rappresentazione fumettistica: Tavola 3 e tavola 4 chinate

Ciao!

Un giorno inconsueto per postare, ma c'è chi lavora anche la domenica, quindi perchè uno che disegna non dovrebbe farlo? A maggior ragione visto che venerdì sarà a Lucca, e chissà...magari qualcuno troverà interessante la mia idea...qualcuno che non sia un mio amico o la mia fidanzata! O un mio follower...insomma, qualcuno che non ha mai visto prima 'sta roba e non mi conosce...

Noterete una certa differenza (logico, ma intendo dire: più di quanto dovrebbe essere) nelle tavole inchiostrate rispetto a quelle a matita: è che in fase di inchiostrazione mi piace sperimentare, quindi non è detto che ricalchi quello che ho fatto a matita...so che non è un metodo ortodosso, che le matite dovrebbe essere già pronte per essere semplicemente inchiostrate...ma dato che io seguo l'intero processo creativo del mio fumetto, non vedo perchè non lasciare una certa dose di aleatorietà...amor fati!
Comunque, la differenza principale è che il tratteggio è quasi assente dalle tavole inchiostrate, tranne che in alcuni punti in cui mi sembrava più azzeccato...

Ecco cos'ho prodotto..

Aspetto commenti...anche delle precedenti...a presto!